GOLDMIND - via Trento Trieste 12, Bovisio Masciago - 20030 - tel.0362.590391 fax 0362.590391 - info@goldmind.it

 

TORNA AL MENU
..............................................................................................................................................................................................................................................................
KLAMONY
DUBAT
LA FARFALLA
DORATA
JIPSY
MADAGAN
HARD-TOAD
MAGNIFICO
TARO TARO
MISYA
RAINBOWMAN
DABLIU K
DETECTIVE
 

HARD-TOAD

Il rospo Hard-Toad è grasso, brutto, ma unico bellimbusto, instancabile, seduttore di tutte le povere insoddisfatte femmine della fattoria ( gallinelle, conigliette, gattine, cagnoline, e maialette ) costrette ad indirizzare le loro attenzioni sessuali all'unico disponibile, generoso maschio rimasto; Hard-Toad . I maschi della fattoria, costretti dai loro padroni a una vita "moderna" inimmaginabile per assurdità, stravaganza, idiozia, compresi i loro nomi: Dubai il gatto, Chicago il cane, Dublino il gallo, Giacarta il coniglio, Perth il maiale. Sono catapultati in un frenetico, esasperato mondo di vita alienante, snaturando le loro funzioni, in un labirinto di impegni, mansioni e ruoli completamente grotteschi, ed esilaranti. Nella pazza fattoria, gli animali trovano ugualmente il risveglio positivo, con trovate allegre e spassose tra di loro, sdrammatizzando tutto con molto sarcasmo.

Hard-Toad , grazie all'indifferenza dell'uomo è libero di muoversi nella fattoria ad osservare i cammuffamenti e le trasformazioni a cui sono soggetti i poveri, indifesi, animali, così da scoprire, incredibilmente, di essere l'unico autentico vero maschio, ricercato, corteggiato da tutte le femmine disponibili e sempre vogliose. Quando attraversa l'aia, le femmine vanno in visibilio; passo felpato, sexy, sicuro, canticchiando l'irresistibile ritornello con voce possente e profonda: (alla Berry White) " sotto al mio cuor c'è... si che c'è... è tutto per tè! " (allusione pene). Dopo le prestazioni di Hard-Toad , le femmine appagate e soddisfatte, si abbracciano ballando cantando così: " c'è... c'èè... c'èèè... ceeerto che c'è! c'è... c'èè...c'èèè! eccome se c'è! c'è... c'èè... c'èèè! c'è tutto c'è... c'èè... c'èèè!"


DUBAI

Il gatto Dubai, per il fanatismo del padrone per le Ferrari, ha un'intera stanza a disposizione con poster alle pareti, mini pista, schermo gigante a simulazione GP, una collezione in scala ridotta di Ferrari d'epoca. Dubai ha assorbito talmente bene la passione del padrone, da divenire totalmente   soggiogato. Dorme su cuscini RossoFerrari, sveglia con accensione rombo motori, spazzolino, accappatoio, carta igienica, persino le unghie con l'inseparabile berretto e orologio, tutto RossoFerrari. Ha la play-station con un solo cd, " Inseguimento topi su Ferrari" .   Happy-hour serale, tutto esclusivamente Ferrari, compreso il cocktail. Si addormenta solamente con il sottofondo dei motori. Un amore esclusivo, dove non c'è posto per nessuno, nemmeno per le gattine, gli amici della fattoria sono talmente esasperati, da affibbiargli   il soprannome:   Du - bal

     


CHICAGO

Il cane Chicago, per l'avidità e cupidigia della padrona, è una miniera d'oro, non c'è concorso di bellezza, spettacoli televisivi, film, pubblicità che non sia protagonista. E' un susseguirsi di appuntamenti ed impegni con inizio alla mattina, ore8; colazione latte di cocco e un cucchiaio di miele, ore9; palestra, ore10; massaggio e idromassaggio, ore11; parrucchiere, ore12; partecipazione programma televisivo, ore14; pranzo sotto osservazione del dietologo, ore15; spot pubblicitario, ore17; sfilata per accessori, ore19; dallo psicologo, insieme all'isterica padrona.   I frenetici impegni, lo hanno reso completamente stressato causando la totale impotenza. I timidi tentativi di ribellarsi, sono subito scoraggiati dalle minacce di essere abbandonato in un istituto di ricerche e analisi, compreso lo stralcio del testamento a suo favore. Chicago è talmente depresso, da invidiare la vita randagia di molti cani. Ogni sera al rientro nella fattoria è talmente distrutto e prostrato di non avere nessuna forza di salutare gli amici, invidiosi di vederlo uscire e rientrare sempre elegante, pulito, tirato a lucido da etichettarlo: Schic-cago-nessuno

 

DUBLINO

Il gallo Dublino , in apparenza virile, aitante, fiero della bellissima voce che alterna il classico al moderno, mandando in visibilio le gallinelle in adorazione, ma costretto a cantare ininterrottamente   tutto il giorno, sotto la minaccia continua di essere spennato, perché al padrone non sopporta il silenzio della fattoria. Il terrore di perdere la voce e di apparire sempre prestante, evita ogni contatto con le gallinelle, così da non sprecare energie e rimanere seducente, ma, con tutto ciò non gli vieta a diventare inesorabilmente omosessuale. Dublino è molto abile a mascherare la sua realtà, come si potrebbe sospettare di chi possiede una voce profonda, possente, maschia, senza dimenticare le galanterie, corteggiamenti e romanticismo che   esibisce. Nella fattoria non sfugge niente, tutti sono a conoscenza di tutto,   gli amici non trovano di meglio di accreditargli il soprannome: Double-face

 

GIACARTA

Il coniglio Giacarta, è afflitto da incontrollabili tic e balbuzie con una imbarazzante eiaculazione precoce da impedire ogni accoppiamento.   I disturbi sono causati dal cinismo del padrone, che sottopone il poveretto per ore ad annusare urine umane, per poi   mandarle in laboratorio per ricerche di patologie, seguita da una alimentazione esclusivamente di capsule al carotene causando un pelo giallo-arancio. Ogni volta che il padrone arriva con le ampolle per le urine e le solite capsule da rosicchiare, è una lotta comica, esilarante di imprecazione, minacce, pressioni reciproche, con il coniglio mai   vinto, ad escogitare trucchi e sotterfugi per scoraggiare la perfidia senza limiti. Gli amici   della fattoria, cercano in più modi di essere solidali, di minimizzare,   convinti che il coniglio ha avuto la sorte più crudele, ma i buoni propositi durano poco, da infierire con il soprannome: Gia-carta-straccia
   

PERTH

Il maiale Perth, è un simpaticone, allegro e disponibile sarebbe il maschio perfetto, ma l'ingrassamento cinico, spregiudicato cui è sottoposto, con ormoni e mangime cancerogeni, lo hanno reso sessualmente ermafrodito e pressoché cieco. Non distingue quasi più nulla confondendo tutti e tutto, creando un gran pandemonio e baraonde per tutta la fattoria. Gli ormoni danno molta carica sessuale, il primo a farne le spese è il padrone, quando si presenta per dare da mangiare cerca in tutti modi di possederlo. Libero per l'aia, travolge tutto quello che gli si presenta, le forme sporgenti e vari attrezzi, piazza sopra le chiappe, balle di paglia, contenitori e altro tenta l'accoppiamento. Un gratuito divertimento per gli amici così divertiti, da appioppargli il soprannome: Pertk-più-di-così.